SPEDIZIONE GRATUITA per ordini superiori a 69€ altrimenti 7,90€

Non hai articoli nel carrello.

Non hai articoli da confrontare.

Ricerca

LA CANTINA

L’abbazia

La nascita e la storia

01. AdB_ChiSiamo_Abbazia_StoriaDell’Abbazia di Sant’Andrea di Busco si parla già in un documento del 1153: certo è che già dal XII secolo l’abbazia può contare su un patrimonio terriero di immenso valore, derivatogli da acquisti e donazioni. Il secolo seguente vede una intensa attività agricola e produttiva, insieme con un momento di splendore insuperabile, che con alterne vicende arriva fino al XV secolo. La cultura dell’abbazia fu talmente importante da sopravvivere all’abbazia stessa. Anche se questa fu soppressa dall’autorità ecclesiastica nel 1771, le tecniche benedettine legate all’agricoltura e soprattutto alla produzione del vino furono trasmesse ai nuovi proprietari, e vivono ancora oggi attraverso i prodotti dell’azienda.

 


L’eredità vinicola dei benedettini

01. AdB_ChiSiamo_Abbazia_EreditaI monaci benedettini hanno dovunque dato un grande impulso alla pratica agraria e all’individuazione di particolari tecniche di coltura e lavorazione dei prodotti agricoli. E da sempre sono stati conosciuti come eccezionali produttori di vino.
In molte abbazie benedettine la vinificazione assunse requisiti di altissima qualità, come testimoniava Gaspare Gozzi, grande scrittore e letterato del XVIII secolo. Egli decantava le qualità dei vini prodotti dall’antica Abbazia di Busco e destinati alle tavole dei nobili Veneziani. Forse anche per questo Marco Zeno decise di far costruire la sua residenza in questi luoghi avvalendosi del migliore architetto del tempo, Andrea Palladio.


Il vino per antica tradizione

Fin dal nome, la nostra azienda riconosce le sue origini nell’antichissima Abbazia benedettina di Sant’Andrea di Busco, che un tempo sorgeva in questa zona, e della quale oggi rimangono solo alcune parti. È proprio nell’attitudine benedettina al lavoro della terra e nelle antiche tecniche di vinificazione che derivano la nostra passione per il vino e la nostra esperienza nel crearlo.

 

01. AdB_ChiSiamo_Tradizione

 


Il marchio

Unire la storia e il territorio

01.-AdB_ChiSiamo_Marchio_StoriaIl marchio attuale di Abbazia di Busco recupera la dimensione storica che è propria della famiglia, unendola però ad una vocazione locale e territoriale. Il riferimento è chiaramente all’antica Abbazia di Sant’Andrea, le cui prime testimonianze risalgono al XII secolo. La simbologia utilizzata nel marchio è riscontrabile già nelle antiche carte dell’area di Busco, tra il XVI e il XVII secolo, epoca in cui Marco Zeno pose la sua residenza nella zona, commissionando al Palladio la splendida Villa Zeno. Anche la scritta utilizzata, “Abacia d’ Buscho”, rende di nuovo attuali le forme e i suoni dell’epoca.

 


Lo stemma di una grande famiglia

01. AdB_ChiSiamo_Marchio_StemmaIl marchio non è però sempre stato come lo vediamo oggi. Anche la sua versione precedente, in uso dagli anni ’60 del secolo scorso, si riallacciava però alla tradizione e alla storia antichissima della famiglia Zeno. Rappresentava infatti uno stemma nobiliare sormontato dal cappello del doge di Venezia, presso il quale Girolamo Zeno, il padre di Marco, ricoprì una carica importantissima: quella di procuratore della Repubblica di San Marco. Questo stemma ha contrassegnato tutte le bottiglie prodotte dagli anni ’60 a oggi, fino al nuovo marchio, creato appunto per sottolineare anche l’importanza del territorio per i nostri vini.

 

La famiglia

Una tradizione che continua da secoli

familyGli Zeno, una delle famiglie più in vista dell’aristocrazia veneta, hanno origini antichissime. Girolamo Zeno ricoprì l’importante carica di Procuratore di San Marco, ma fu suo figlio Marco Zeno che si stabilì nel trevigiano, commissionando al famoso architetto Andrea Palladio la costruzione della sua nuova dimora subito dopo il 1554. Oggi i diretti discendenti della famiglia Zeno continuano a produrre pregiati vini seguendo gli antichi metodi di vinificazione: vengono usate esclusivamente uve prodotte dai propri vitigni e in alcuni casi vengono ancora utilizzate preziose botti di rovere per l’invecchiamento.

 


L’epoca moderna

family_ok

Negli anni 60/70 fu modificato radicalmente lo spirito della proprietà, dando un impronta imprenditoriale alla bellissima tenuta di famiglia, trasformandola in un gioiello dell’agricoltura moderna.

Si passò dall’allevamento dei bovini alla coltivazione del mais e delle barbabietole e soprattutto al consolidamento delle antiche tradizione nella produzione del vino. La vite rimase infatti sempre il fiore all’occhiello della produzione: il vino che per anni era stato esclusivo appannaggio delle famiglie nobili veneziane divenne presto un ricercatissimo prodotto distribuito sul mercato nazionale e internazionale.

 


La famiglia oggi

01. AdB_ChiSiamo_Famiglia_Oggi

L’opera mirabile di trasformazione dell’Azienda compiuta dalla generazione precedente continua oggi nella gestione di Gian Giacomo Gallarati Scotti Bonaldi, che la gestisce, nel solco delle tradizioni famigliari. Animati da una grande passione per la natura, i numerosi componenti della famiglia hanno continuato a gestire questa attività con scelte innovative e talvolta coraggiose, mantenendo, tuttavia, inalterato il rispetto per le tradizioni e per il territorio, assicurando così, la continuità della lunga storia degli Zeno.